Welcome to Our Website

Hacked hac bao thien ha 04 costa

Keygen miracle Life: 06/30/11

VN VN-HP 510 0 TungstenAsia Tungsten Products Vietnam Ltd. Micro Total Analysis Systems: Latest Achievements. Supermart-1: Rock Water Bay Beach Resort & Spa: Ke Ga, Tan Thanh: Concorde Moreen Beach Resort & Spa: 92 Alqusair Red Sea road: The Exchange.

Word Vietnam August 2020 by Nick Ross

Miracle Life: 13/04 Glitz and tradition at Sri Lanka

Leading the line will be American comic William Childress who recently performed to great acclaim at Ha Ha Hanoi. There is a small but important group of users that devote a substantial amount of effort and care to this activity. Hac Bao Thien Ha Tai Seng DVD $ Hoang De Thuong Hai Tai Seng DVD The Best Of Vo Thuong Guitar - Vol.

Nghe nhac san vui 90 phut?

Webmasters, you can add your site in. Integrated Microreactors for Reaction Automation: New Approaches to Reaction Development. CID000875 Chongyi Zhangyuan Tungsten Co, Ltd.

  • Vietnam Lonely planet.en.es.docx
  • Terman - Electronic & Radio Engineering
  • Mechanisms and Applications of Plasmon-Induced Charge
  • Diario de la marina ( 04-05-1952 ) - UFDC Home
  • AresMaxima - Shopping & Retail
  • Advances in Sustainable Polymers: Processing and
  • Miracle Life: 10/04/10
  • For rent Vinh Yen district

Free browser care, flash files, phone platforms, secure soft

Hac bao thien ha 04 costa. Kabul Expolanka Freight FZ CO 1189A. Panjiva helps you find manufacturers and suppliers you can trust.

Serial number easytools Front End Keygen Anleitung Ombre

Femme, UK, 04/7/2020 06: 31 This has resulted in women like you, pathetic, gobby and too full of yourselves - Roy, IOW, 04/7/2020 07: 02 Click to rate Rating 38. They are a highly hydrophilic 6 A. Shukla and P. Maiti material, biocompatible in nature and provide tuned biodegradability. Official Google Search Help Center where you can find tips and tutorials on using Google Search and other answers to frequently asked questions.

Crack 150 I Shabbat Search Engine JewJewJew.com

It's easy to use, no lengthy sign-ups, and 100% free! West Zhongshan Road: Cosmos Insignia Hotel: Carrera 11b No 96-59: The Sea Horse Resort: Plot no 28, Dr. Constancio Mascarnhas: Hotel City Premier: Plot No. 6303, Opp. Special Issue: Climate Change and Health in Vietnam.

Xiuang! WWX.Net SWS: //ottawagatineau.biz/San_Diego-United

Word Vietnam December 2020 by Word Vietnam. Bao, Z and Ling, TW and Chen, B and Lu, J, Effective XML keyword search with relevance oriented ranking, Proceedings of the 25th IEEE International Conference on Data Engineering, 29 March - 2 April 2020, Shanghai, China, pp. 517-528. Fujian Jinxin Tungsten Co, Ltd.

Diario de la marina - UFDC Home

Tel: (08) 3820 7157 - Fax: (08) 3820 7682 pr. Q2 2020 SA8000 Certs List, Public List. Paslor Garcia recuerda la I poca en que loegaba al Track, M S.

List of power stations in Vietnam

The district was selected because it is a location where storms and floods frequently occur. Here are the 9, 548 suppliers from Virgin Islands (British). Via A. Costa 19/21 Busto Arsizio Brandart srl via A. Costa 19/21 BrandDesign SA Via Cantonale 6/A Cureglia Brandix Apparel Solutions Limited 409 Galle Road, Colombo 3, Sri Lanka Colombo BRANDIX ASIA HOLDINGS PRIVATE LTD 20 BENDEMEER ROAD 03-12 Brandy Precision Textile Corporation 05 Street, Xuyen A Industrial, My Hanh Bac Commune, Duc Hoa District.

Serial key books, data, extensions, music, skripts - cloud connection

Places allows you to see where your friends are and share your location in the real world. Search the history of over 446 billion web pages on the Internet. Ariana grande pussy foto All turkish series Administrative assistant goals and objectives How to finger youraelf.

The Rough Guide to Bangkok - PDF Free Download

Review on recent and advanced applications of monoliths and related porous polymer gels in micro-fluidic devices. Libro - Temas de Filosofia (Castro de Cabanillas). YEN BAI YEN BAI THANG LONG WOOD PANEL COMPANY LIMITED.

Ham koneshe palse: Topics by Science.gov

The 2nd Battalion of the 3rd Regiment from 1967-1969. We finally compute the impact probability from the mapped probability density function on the considered b-plane. In accordance with the Court's Order Granting Entry of Final Judgment Against Certain Net Winner Class Members, Final Judgment is hereby entered against each of the class members listed on the following single page attachments in the amounts listed therein, which are comprised of net winnings from the ZeekRewards scheme and prejudgment.

Hack Lg Optimus L3 Ii Dual Without Physical Access to

Chenzhou Diamond Tungsten Products Co, Ltd. From Con Thien to Hue to Khe Sanh, Sr. Kenneth N. Jordan, Kenneth N. Jordan Sr 9781855753266 185575326X To Be Met as a Person - The Dynamics of Attachment in Professional Encounters, Una McCluskey 9781550028010 1550028014 The Refugee - Narratives of Fugitive Slaves in Canada. IAIIIIIO ten a do so d n bla morocido on sot sprdo al T lag I CA stit a SU: OU nipulad, 00 more emu 20 V n de Ion Citsdas Un astimado -do in cdadft am IT.

Activity code social Accountability Accreditation Services

Q2 2020 SA8000 Certs List, Public List look at this. Macromedia Director Mx 04, Course Technology 9783131299918 3131299916 Mr/Ct Atlas of Anatomy - A Comprehensive Digital Sectional Imaging Library, Version 5.0, Klaus Kuper 9780955485312 0955485312 Life in the UK Test Interactive - Practice Tests and Citizenship Study Guide on CD-ROM, Paul Lancaster, Mary-Ann Coull. Bao Ninh Beach Resort Ha Duong.

Frommer's Southeast Asia - PDF Free Download
1 Miracle Life: 09/22/11 42%
2 Finding news curators in twitter 63%
3 Word Vietnam August 2020 by Word Vietnam 72%
4 Travellive 06-2020 by Travellive Magazine 11%
5 ECite Browse by Year 97%
6 Find Theresa Nguyen's Background Report in the US 19%
7 Miracle Life: 04/15/11 27%

Weather in Viet Tri. Current weather

PhuVang is a rural district that covers an area of 280 km 2. As of 2020, the total PhuVang population was 171, 363. Antarctica: Antarctic Treaty System. Check out our new and improved places directory.

Cracked suppliers from Virgin Islands (British)

See posts, photos and more on Facebook. Greensboro - High Point, NC McAllen - Edinburg - Mission, TX New Haven-Milford, CT St. Louis, MO-IL Grand Rapids - Wyoming, MI. Discounts you deserve: home and property damage liability coverage of $15, 000 per accident On the number people use an insurance company reconsider the default navigation app for kids with your operations The renowned destination for auto insurance On your person and $50, 000 per accident All price waterhouse coopers jobs in texas learn more Typing your zip code in the last few months a year.

Golden State Killer Timeline VI

<<< Golden State Killer Timeline V
Tuesday, August 18, 2020
  • Victim Impact Statements
    • Sacramento Superior Court, Largest Courtroom, Dept 24
    • Women DeAngelo raped in Sacramento from 1976 through 1978. Victims and their families will be allowed into court to speak in separate groups.
    • Phyllis Hennemann (EAR Attack #1, Jane Doe #14). Statement read by the victim’s sister, Karen Veilleux.
    • Karen Veilleux, sister of Phyllis Hennemann. - https://www.youtube.com/watch?v=6eBG-f2BqPM - ends with Peter Schultz.
    • Peggy Rex (EAR Attack #2, Jane Doe #15).
    • Susan Peterson (EAR Attack #2, Jane Doe #16).
    • Patricia Murphy/Cosper, (EAR Attack #4, Jane Doe #1). Statement read by by daughter Patricia Cosper.
    • Patricia Cosper, daughter of Patricia Murphy/Cosper.
    • Pete Schultze, son of Winnie Schultze (EAR Attack #7, Jane Doe #22).
    • https://www.youtube.com/watch?v=l9W4_716myc - ends with husband of Kathy Rogers.
    • Lisa Marie Lilienthal (EAR Attack #13, Jane Doe #28). Daughter of “Jane Doe #27” (EAR Attack #13).
    • Kris Pedretti (EAR Attack #10, Jane Doe #24).
    • Kathy Rogers (EAR Attack #16, Jane Doe #2). Statement read by Carol Daly.
    • Son of Kathy Rogers.
    • Husband of Kathy Rogers.
    • Kathleen (EAR Attack #17, Jane Doe #3) - https://www.youtube.com/watch?v=apO3xnIp2UA - starts with Kathleen ends with Victor.
    • Linda O’Dell (EAR Attack #20, Jane Doe #5). Carol Daly stood with her during her statement.
    • “Jane Doe #35” (EAR Attack #25). Statement read by a victim advocate.
    • Mother of Deborah Strouse (Deborah was the victim in EAR Attack #26, Jane Doe #32).
    • Sandy James, sister of Deborah Strouse.
    • Aunt of Deborah Strauss.
    • Daughter of Deborah and Robert Strauss.
    • Robert Strauss (EAR Attack #26, John Doe #15). Statement read by a victim advocate.
    • Victor Hayes (EAR Attack #24, John Doe #7).
Wednesday, August 19
  • Victim Impact Statements in Sacramento
    • Victims raped in San Joaquin and Contra Costa counties
    • [https://www.youtube.com/watch?v=1_zzk5SWpMI] - Starts with JCS, end with Jane Doe #10, and John Doe #9
    • Jane Carson Sandler, Sacramento County (EAR Attack #5, Counts 34 and 35, Jane Doe #20), accompanied by Bonnie Ueltzen (DeAngelo’s former fiancée)
    • [https://www.youtube.com/watch?v=xNbC9zCC8Nw]-
    • Victims from the counties of Sacramento, San Joaquin, Alameda, Yolo, Santa Clara, and Contra Costa.
    • San Joaquin County:
    • Gay Hardwick (EAR Attack #30, Jane Doe #39 ), accompanied by husband Robert Hardwick.
    • Robert Hardwick (EAR Attack #30, John Doe #17)
    • Alameda County:
    • Robert Brooks (EAR Attack #44, John Doe #22), statement read by Sacramento prosecutor Thien Ho.
    • Yolo County:
    • “The Yolo County Couple” (EAR Attack #35, Jane Doe #43 and John Doe #20), statement read by victim advocate Laura Valdes
    • Santa Clara County: Joanne Miyao (Attack #41)
    • Contra Costa County:
    • Gladys Reder (EAR Attack #42, Count 70, Jane Doe #47)
    • “Jane Doe #10” and “John Doe #9” (EAR Attack #37, Jane Doe #10 and John Doe #9), statement read by Contra Costa County Chief Assistant DA Venus Johnson
    • Mary Berwert (EAR Attack #47, Jane Doe #49)
    • Michelle (last name not included), (EAR Attack #39, Jane Doe #12)
Thursday, August 20
  • Family members of the 13 people DeAngelo murdered between 1975 and 1986 from Southern California to Sacramento.
    • [https://www.youtube.com/watch?v=deucoRi_aLM], Snelling-Domingo
    • Tulare County:
    • Elizabeth Hupp, daughter of Claude Snelling (murdered by DeAngelo on 9/11/75)
    • Lori Mendonca, daughter of William McGowen (DeAngelo attempted to murder McGowen on 12/10/75)
    • Sacramento County Cases:
    • Ken Smith, brother of Katie Maggiore (murdered by DeAngelo on 2/2/78)
    • Karen Smith, aunt of Katie Maggiore
    • Loretta Maggiore, mother of Brian Maggiore (murdered by DeAngelo on 2/2/78). Statement was read by Sacramento County prosecutor Thien Ho.
    • Santa Barbara:
    • Natasha Holliday and Rosanne Howard, friends of Alexandria “Ali” Manning (murdered by DeAngelo on 12-30-79). Statement read by Kelly Duncan, Chief Deputy District Attorney for Santa Barbara.
    • A nephew of Greg Sanchez spoke (he does not want his name included). (Greg Sanchez was murdered by DeAngelo on 7-21-81).
    • Debbi McMullen, daughter of Cheri Domingo (murdered by DeAngelo on 7-21-81). Melanie Barbeau, her supporter, stood with her.
    • David Domingo, son of Cheri Domingo.
    • [https://www.youtube.com/watch?v=xNbC9zCC8Nw] Family of Lyman and Charlene Smith, Manuela Withun
    • [https://www.youtube.com/watch?v=JRVJMyZZvag] - Family of Janelle Cruz; Family of Keith & Patricia.
Friday, August 21
  • Family members of the 13 people DeAngelo murdered between 1975 and 1986 from Southern California to Sacramento.
  • Then the hearing is expected to move to a ballroom at California State University, Sacramento, for sentencing. He is scheduled to be sentenced to life in prison without possibility of parole, part of an agreement between prosecutors and DeAngelo’s public defenders that saved the state the cost of a lengthy trial and spared DeAngelo from facing the death penalty.
Monday, August 24
Fall, 2020
  • September: DeAngelo’s oldest daughter is a 39.
  • October 4: Rebecca's 78th birthday
  • November 8: DeAngelo 75th birthday
  • November: DeAngelo’s middle daughter is 34
2021
  • April: Sharon is 68
  • April 24: DeAngelo has been incarcerated for three years.
  • May: DeAngelo's youngest daughter is 32.
  • September: DeAngelo’s oldest daughter is a 40.
  • October 4: Rebecca's 79th birthday
  • November 8: DeAngelo 76th birthday
  • November: DeAngelo’s middle daughter is 35
2022
submitted by Justwonderinif to Timelines

Uno sguardo al mercato del lavoro a livello locale ed alle dinamiche occupazionali durante la crisi: analisi dei 611 Sistemi Locali del Lavoro in Italia

Buoooonasera!
Dopo il precedente lavoro sul mercato del lavoro a livello provinciale ho realizzato un'analisi ancor più a livello locale, nello specifico utilizzando i dati dei Sistemi Locali del Lavoro (SLL).
Prima di tutto, andiamo a chiarire cosa sono questi Sistemi Locali del Lavoro: usando la definizione Istat,
I sistemi locali del lavoro (SLL) rappresentano una griglia territoriale i cui confini, indipendentemente dall’articolazione amministrativa del territorio, sono definiti utilizzando i flussi degli spostamenti giornalieri casa/lavoro (pendolarismo) rilevati in occasione dei Censimenti generali della popolazione e delle abitazioni.
In pratica i sistemi locali del lavoro (d'ora in poi SLL a prescindere dal contesto singolare/plurale) sono una creazione dell'Istat, una griglia territoriale composta da comuni che non necessariamente condividono provincia (ed in qualche caso persino regione) d'appartenenza.
L'Istat li forma dopo aver esaminato i flussi pendolari dopo il censimento decennale, creando quindi queste aree funzionali che spesso condividono molte caratteristiche a livello socio-economico, al fine di avere una suddivisione non ufficiale infra-provinciale, laddove le province sono troppo grandi e variegate per esprimere pattern tra certi territori ed ovviamente considerato che i comuni sono semplicemente troppi per permettere un confronto su tale base. I SLL vogliono essere quindi quella via di mezzo ai due enti locali, per un solo scopo statistico ed informativo. Ad esempio i dati dell'occupazione dei SLL (assieme ad altri dati) vengono usati per stabilire le aree di crisi industriale.
In totale sono 611 e sono costituiti da SLL di ogni forma e misura, da quelli delle grandi città e relative aree urbane a quelli di piccole cittadine montuose, ognuno con specifiche classi d'appartenenza. Certamente in qualche caso la specializzazione (o meno) di un certo SLL è arbitraria e può lasciare margine a dubbi, ma comunque ritengo che a grandi linee i gruppi e le relative selezioni siano soddisfacenti, d'altronde un SLL non può appartenere a più gruppi e da qualche parte deve pur stare.
Qui è presente il report completo Istat sui SLL. Ne consiglio la lettura, se li si vuole comprendere meglio e sapere alcune curiosità su di essi.
Ora arriviamo al dunque: l'Istat lo scorso mese ha pubblicato (disponibile solo dopo download e su file excel) i principalissimi dati sul mercato del lavoro nei 611 SLL italiani. Principalissimi perché ci fornisce solo gli occupati, i disoccupati, la forza lavoro ed i relativi tassi d'occupazione, di disoccupazione e d'attività, senza moltissime informazioni accessorie (componente maschile e femminile, classe d'età degli occupati, carattere dell'occupazione ecc.) che sono invece disponibili a livello provinciale.
Mi sono finalmente quindi deciso ad analizzarli, però a differenza di quanto faccio in genere non realizzerò una mappa, ma andrò invece a presentare i dati in questo post, regione per regione, commentandoli ed aggiungendo "note a latere" dove possibile. Mi sembra un modo più costruttivo per presentare i dati visto che i SLL (tranne quelli maggiori) non sono assolutamente facilmente identificabili come le province e comunque magari per qualche territorio sarà necessario aprire parentesi a parte ed andare un po' oltre il dato secco.
Se vi interessa sapere quali comuni compongono un determinato SLL consiglio questo sito che è il modo di visualizzazione più comodo. Basta cliccare sul nome del sistema (in grassetto) e si apre la pagina contenente tutti i comuni del SLL in questione e la loro popolazione.
I dati presentati dall'Istat sono stime dove comunque c'è un margine di errore. Confrontando ad esempio i dati degli occupati a livello provinciale e quelli dei pochi SLL che ricalcano intere province possiamo notare una leggera discrepanza tra i dati, ma direi che queste stime sono affidabili e comunque i trend sono quelli, stimati un po' al difetto o all'eccesso che siano.
 
Per mettere nel contesto i dati che andremo ad analizzare bisogna prima conoscere la media a livello nazionale ed europea, assieme a quella dei principali paesi europei per avere dei benchmark e soprattutto un sufficiente standard di paragone.
Purtroppo il tasso d'occupazione nei SLL è disponibile solo nella fascia d'età over 15, e non quella 15-64 che è la forma tradizionale e nettamente più diffusa del tasso. Dico purtroppo perché questo svantaggia i paesi con una larga percentuale di popolazione over 64, che in tutta Europa è nella stragrande maggioranza dei casi inattiva. Quindi ciò mette in cattiva luce l'Italia più di quanto lo sia di suo, e colpisce anche altri paesi anziani come la Germania, che vede il più giovane Regno Unito superarla nel tasso d'occupazione over 15, mentre quest'ultimo sarebbe dietro nel tasso "normale" 15-64. Andrò a realizzare una tabella con tutti i tassi d'occupazione (e la differenza col 2008) nei vari paesi europei e nelle regioni italiane per fornire adeguati strumenti di paragone consultabili quando andrò a presentare le statistiche dei vari SLL per mettere nel contesto i dati.
Ah, gli anni 2006, 2007 e 2008 in Italia hanno tutti lo stesso tasso d'occupazione over 15. Ho scelto il 2008 perché è anche l'anno in cui la media degli occupati tocca il picco storico, oltre i 23 milioni. Ciononostante una parte dei SLL (specialmente al Sud) era già in flessione negli anni precedenti, come vedremo dopo.
Stato Tasso occupazione over 15 anni (2016) Tasso occupazione 15-64 anni (2016)
ITALIA 43,7% 57,2%
MEDIA UE-28 52,8% 66,6%
Germania 58,4% 74,7%
Francia 50,3% 64,2%
Regno Unito 59,9% 73,5%
Spagna 47,0% 59,5%
Grecia 39,9% 52,0%
Irlanda 55,5% 64,8%
Svizzera 66,2% 79,6%
Stato Variazione T.O. over 15 anni (2008-2016) Variazione T.O. 15-64 anni (2008-2016)
ITALIA -2,1 -1,4
MEDIA UE-28 -1,5 +0,9
Germania +3,6 +4,6
Francia -2,1 -0,7
Regno Unito +0,7 +2,0
Spagna -5,7 -5,0
Grecia -9,0 -9,4
Irlanda -4,0 -2,6
Svizzera +0,3 +0,1
Regione Tasso occupazione over 15 anni (2016) Tasso occupazione 15-64 anni (2016)
ITALIA 43,7% 57,2%
Piemonte 47,6% 64,4%
Valle d'Aosta 50,0% 66,4%
Liguria 44,2% 62,7%
Lombardia 50,6% 66,2%
Alto Adige 57,8% 72,7%
Trentino 51,1% 66,0%
Veneto 49,6% 64,7%
FVG 47,1% 64,7%
Emilia Romagna 51,5% 68,4%
Toscana 48,2% 65,3%
Umbria 45,9% 62,7%
Marche 46,5% 62,2%
Lazio 46,3% 59,9%
Abruzzo 42,1% 55,7%
Molise 38,7% 51,9%
Campania 33,1% 41,2%
Puglia 34,1% 44,3%
Basilicata 38,5% 50,3%
Calabria 30,9% 39,6%
Sicilia 31,2% 40,1%
Sardegna 38,6% 50,3%
Regione Variazione T.O. over 15 anni (2008-2016) Variazione T.O. 15-64 anni (2008-2016)
ITALIA -2,1 -1,4
Piemonte -1,7 -0,8
Valle d'Aosta -2,6 -1,4
Liguria -1,4 -0,9
Lombardia -1,9 -0,7
Alto Adige +0,0 +2,3
Trentino -1,7 -0,7
Veneto -2,8 -1,7
FVG -2,0 -0,5
Emilia Romagna -1,7 -1,8
Toscana -0,8 +0,0
Umbria -2,8 -2,6
Marche -2,4 -2,5
Lazio -1,0 -0,3
Abruzzo -2,9 -3,1
Molise -2,3 -2,2
Campania -1,8 -1,2
Puglia -3,1 -2,3
Basilicata -0,1 +0,7
Calabria -3,9 -4,4
Sicilia -3,9 -4,0
Sardegna -3,3 -2,0
Ogni statistica presentata è presa dal database Eurostat ed Istat.
Excursus: un fattore che mi preme considerare è la correlazione tra tasso d'occupazione over 15 anni e quello classico 15-64. Di certo il tasso d'occupazione over 65 gioca la sua parte, ma una minore, dato che tale è bassissimo in tutta l'Unione (per capirci, l'Italia è al 3,9%, la Germania al 6,6% e la media UE al 5,6%). Solamente una parte dei paesi supera - di poco - il 10% (tra cui il Regno Unito e l'Irlanda) ma comunque le percentuali sono basse un po' dappertutto e la differenze non sono così enormi. Quindi la parte del leone la fa l'età mediana e la struttura demografica della popolazione. Per questo ho anche aggiunto l'Irlanda nella tabella di sopra. L'Irlanda è il paese più giovane d'Europa, con una età mediana della popolazione di 36 anni, contro i 45 di Italia e Germania, i più anziani del continente. La popolazione sopra i 65 anni di età supera il 20% del totale in Italia, Grecia e Germania, mentre è al 13% in Irlanda ed al 18% in Francia e Regno Unito (OT: in tutta Italia solamente diversi paesotti del Napoletano avrebbero, grosso modo, una struttura ed indicatori demografici comparabili a quelli della media irlandese, e tra l'altro in netto peggioramento al momento rispetto al paese celtico). Comunque, qual è il punto? Che meno la popolazione è anziana più il rapporto tasso d'occupazione over 15 anni / tasso d'occupazione 15-64 anni è elevato. Userò il rapporto e non la differenza in numeri assoluti perché quest'ultima metterebbe, matematicamente, in posizione di svantaggio le regioni con alti tassi. In Italia e Germania tale rapporto è rispettivamente 0,763 e 0,781. In Irlanda è invece allo 0,856, per via, appunto, di una percentuale di over 65 sul totale della popolazione molto minore. Questo fenomeno è evidente anche all'interno delle regioni italiane: nella regione più anziana, la Liguria, il rapporto è 0,704 mentre nella più giovane, la Campania, tale rapporto è 0,803. In definitiva, come avevo già detto sopra, più il paese è giovane più il tasso over 15 è vicino alla "realtà".
Detto questo, prendendo sempre in considerazione gli ovvi limiti di tale tasso - per la ragione di cui sopra - esso costituisce sempre una decente misura per analizzare le dinamiche occupazionali nei vari territori.
A bomba con i dati: i più alti tassi d'occupazione in Italia si registrano in Alto Adige, e nello specifico nella Val Pusteria. I SLL di Brunico/Bruneck e San Candido/Innichen vantano tassi d'occupazione (sempre over 15) di rispettivamente il 60,8% ed il 60,5%. Aggiustando i dati al rapporto che ho spiegato sopra (che a livello provinciale è 0,795 e sapendo che il territorio in questione non ha indicatori demografici molto differenti dalla media provinciale) e dopo l'applicazione di complesse formule matematiche, possiamo calcolare una stima del tasso d'occupazione 15-64 pari al 75-76%.
Oltre questi due ci sono solamente altri tre SLL che superano il 60% e sono tutti in provincia di Bolzano: Bressanone/Brixen (60,4%), Badia/Abtei (60,3%) e Malles Venosta/Mals (60,1%). Si classifica molto bene anche il SLL di San Leonardo in Passiria/St. Leonhard in Passeier (59,3%), che cito perché vanta il più basso tasso di disoccupazione tra i SLL italiani, al 2,4%.
Il tasso d'occupazione più basso si registra nei SLL di Mondragone (CE) e Lentini (SR), entrambi al 25,1%. È un tasso veramente basso.
Il tasso di disoccupazione più elevato va trovato nel SLL di Bagheria (PA), al 39,1%. Ad ogni modo il tasso di disoccupazione lascia il tempo che trova (e infatti lo ignorerò nell'analisi dei dati) perché alla fine dipende tutto dal tasso di attività, che infatti nel SLL in questione è piuttosto "elevato", relativamente alla media di quelli limitrofi almeno. Quanto al tasso di attività (forza lavoro come percentuale della popolazione over 15), i più alti si concentrano comunque nei SLL della Val Pusteria (oltre il 63%) mentre i più bassi a Lentini (SR) e Palagonia (CT), dove sono rispettivamente 30,2% e 30,3%.
Ora che abbiamo esaminato gli estremi per ogni tasso, possiamo esaminare gli SLL per ogni regione; ovviamente non potrò analizzare ogni singolo SLL, ma mi soffermerò su quelli dei capoluoghi di provincia, quelli più popolosi in generale e quelli che nella regione si contraddistinguono in qualche modo - positivo o negativo che sia - per valore del tasso d'occupazione e relativa dinamica durante la crisi.
Partiamo col Piemonte: il SLL di Torino (che racchiude il capoluogo e tutti i comuni della prima e seconda cintura) sconta la più forte perdita occupazionale tra i SLL italiani in termini assoluti (è anche il quarto SLL più grande d'Italia però), con 45 mila posti di lavoro in meno rispetto al 2008. Il tasso d'occupazione cala di 3,7 punti e si assesta nel 2016 al 46,1%. Il tasso 15-64 anni aggiustato sarebbe circa il 63%.
Migliore la situazione nella Granda: il capoluogo, Cuneo, ha un tasso d'occupazione del 51,8%, seppure in calo di 1,8 punti rispetto al 2008. Due SLL della provincia hanno il più alto tasso d'occupazione della regione: Saluzzo ed Alba che hanno tassi del, rispettivamente, 52,9% e 52,8%, entrambi in leggero aumento rispetto al valore pre-crisi. Da notare però la situazione di Garessio, SLL alpino col più basso tasso d'occupazione regionale, 38,2% - decisamente meno della media nazionale -, seppure in aumento durante la crisi. È però un SLL di dimensioni estremamente ridotte.
Stabile la situazione ad Alessandria ed Asti dove il tasso segna 46,6% e 46,4%, valori sostanzialmente stabili comparati col 2008, come succede nel SLL di Biella, con un tasso del 47,1%. Stessa cosa praticamente per quello di Verbania dove il valore si assesta a 46,7%. Ad Acqui Terme (AL) il tasso aumenta di ben 5,2 punti nel periodo analizzato, arrivando a quota 46,1% (il punto di partenza era piuttosto basso per la media regionale d'altronde).
Nel SLL di Novara il tasso d'occupazione segna il 48,9%, due punti in meno di 8 anni prima; a Vercelli il tasso aumenta invece di 1,1 punti, al 47,1%.
Passiamo alla Valle d'Aosta. Il SLL del capoluogo registra un tasso 49,6%, in calo però di 2,9 punti durante la crisi. Il tasso più elevato in regione si registra nel SLL di Courmayeur, con un tasso del 54,7%, in netta diminuzione però rispetto al 2008, di 4,1 punti.
Andiamo ora in Lombardia.
Il SLL di Varese ha un tasso del 51,1%, in calo d'un punto tondo rispetto ad 8 anni prima. I SLL di Como e Lecco condividono lo stesso tasso, il 51,3%, in calo di rispettivamente 2,6 e 1,8 punti.
Menzione per Busto Arsizio (VA) in quanto terzo SLL più popoloso della regione: lì il tasso si assesta al 50,4%, in netto calo di 3,6 punti nel periodo.
In Valtellina il SLL di Livigno registra il tasso più elevato, al 55,8%, di diminuzione però di 2,9 punti. Sondrio registra un tasso del 49,4% in sostanziale stabilità nel lasso di tempo analizzato.
Milano è il più grande SLL d'Italia in termini di popolazione, ospitando al suo interno 174 comuni per un totale di 3,86 milioni di residenti. Ingloba tutti i comuni della relativa area urbana, inclusa Monza e la quasi totalità della Brianza. Durante la crisi aggiunge 24 mila posti di lavoro, non abbastanza però dato il proprio deciso incremento demografico nel frattempo, con la popolazione cresciuta di quasi 250 mila unità - ciò fa scendere il tasso d'occupazione di 2,5 punti a quota 51,2%. Il tasso 15-64 anni aggiustato sarebbe intorno al 67%.
Il vero "miracolo" lo compie il SLL di Bergamo che durante il periodo 2008-2016 incrementa il numero di occupati di esattamente 50 mila unità, più che sufficienti a compensare il forte aumento di popolazione vissuto nel frattempo ed a portare il tasso d'occupazione al 50,9%, ben 4,2 punti in più di 8 anni prima (il punto di partenza era però effettivamente bassino). Il SLL di Grumello del Monte perde invece 5,5 punti e registra un tasso del 53,9%.
Brescia invece perde 3,4 punti di tasso d'occupazione, assestandosi al 49,2%. Decisi cali anche nei SLL di Montichiari e Desenzano del Garda, che perdono rispettivamente 3,9 e 3,4 punti, rimamendo però entrambi sopra la soglia del 50%.
A Pavia il tasso d'occupazione è al 51,5%, in calo però di 1,8 punti. Voghera, che cito perché è uno dei due SLL italiani divisi tra ben tre regioni, registra un tasso del 46,4%, in leggero aumento. Cremona ha un tasso del 50,1%, in diminuzione di 2,8 punti; Lodi ha un tasso del 52,1%, anche lì per in diminuzione, di 1,6 punti.
Mantova registra un tasso del 51,5%, sceso di 1,7 punti durante la crisi. Restando in provincia da far notare il SLL di Castel Goffredo che vanta il più alto tasso d'occupazione tra i SLL fuori dalla provincia di Bolzano, al 57,7%, in forte diminuzione di 4,5 punti però rispetto al 2008, quando il suo tasso d'occupazione era al primo posto tra i SLL d'Italia, a parimerito con Badia (BZ). Un altro tasso piuttosto elevato (54,3%) si registra nel SLL di Castiglione delle Stiviere, anch'esso però in calo - di 2,8 punti.
Sull'Alto Adige non c'è moltissimo da dire... ne ho già parlato sopra dato che gli unici 5 SLL italiani a superare quota 60% del tasso d'occupazione si trovano lì. Nella maggior parte dei SLL il tasso scende (ma non molto), per effetto di un forte aumento della popolazione che non è stato compensato da un aumento delle posizioni lavorative. A Bolzano/Bozen, come a Merano/Meran il tasso è a quota 54,5%, in calo di 1,1 e 1,5 punti. Bolzano presenta il più alto tasso d'occupazione tra i SLL dei capoluoghi di provincia. Altri SLL guadagnano o restano stabili, come appunto Brunico/Bruneck, San Candido/Innichen e Silandro/Schlanders. I primi restano stabili, l'ultimo aumenta di 1,4 punti arrivando ad un tasso del 59,8%.
I SLL del Trentino non riescono a seguire la perfomance dei vicini settentrionali, malgrado mostrano tutti tassi decisamente sopra la media. La situazione migliore dell'area in questione è nella Val di Fassa, nei SLL di Canazei e Moena, che registrano tassi di rispettivamente il 57,2% ed il 56,0%, seppure entrambi in calo di circa 3 punti nel periodo analizzato. A Trento il tasso d'occupazione è al 52,2%, in calo di 1,5 punti. A Rovereto il tasso è al 50,6%, in diminuzione di 1,6 punti.
Scendiamo ora in Veneto: nel SLL di Verona il tasso d'occupazione è al 50% tondo, in calo però di 1,9 punti durante la crisi. La vicina Isola della Scala perde 6,2 punti, scendendo al 52%. Scende anche Peschiera del Garda, di 4,9 punti, sempre al 52%.
Vicenza è al 50,7%, in calo però di 3,3 punti. Arzignano, Schio e Thiene hanno tassi del 52,3%, 48,6% e 51,6%, tutti e tre in calo, di 3,2, 1,5 e 3,9 punti, rispettivamente.
Nel SLL di Belluno il tasso è del 50,1%, in calo di un punto. Agordo e Pieve di Cadore aumentano il loro tasso di 3,3 e 6,2 punti, arrivando entrambi al 52%.
Piuttosto colpiti dal calo occupazionale sono i SLL della Marca trevigiana. Castelfranco Veneto cede 7,2 punti durante la crisi, assestando il tasso d'occupazione al 51,3%. Il capoluogo, Treviso subisce un calo di 4,5 punti, a quota 49,5%. Conegliano e Montebelluna perdono entrambi circa 3 punti, scendendo ad un tasso di, rispettivamente, il 51,3% ed il 53,0%. Oderzo cede 3 punti ma è primo in regione per tasso d'occupazione, al 54,5%.
Nel SLL di Venezia il tasso d'occupazione segna 46,2%, in calo di 2,4 punti. Colpito anche San Donà di Piave che cede 5,1 punti e scende al 49,4%.
Il SLL di Padova registra un tasso del 49,5%, perdendo 3,7 punti. Quello di Rovigo ha un tasso del 49,3%, in leggera diminuzione (mezzo punto).
Spostandoci in Friuli Venezia Giulia, il SLL di Udine ha un tasso del 46,4%, in calo di 2,3 punti; il tasso d'occupazione Gorizia è al 45,7%, scendendo di un punto.
Il SLL di Pordenone si assesta al 49,6%, in calo però di 3,2 punti.
Trieste scende di 1,2 punti, a quota 44,7%. Questo è un tasso piuttosto basso e solo leggermente sopra la media nazionale. Poiché il SLL in questione corrisponde in pieno alla provincia di Trieste possiamo fare un paragone col tasso d'occupazione 15-64 anni a livello provinciale, che è al 65,2%. (nettamente sopra la media nazionale). Qui c'è una leggera discrepanza tra il livello di occupati totali, stimati in 92 mila a livello di SLL e 94 mila a livello provinciale, suddivisioni altrimenti identiche. Probabilmente ciò rientra nel margine di errore, e comunque la differenza non è enorme. Non aggiustando il dato a livello provinciale col numero di occupati del SLL, il rapporto tra i due sarebbe 0,685, che comunque ci sta, dato che Trieste è una delle aree più anziane in assoluto d'Italia a livello demografico, con un'incidenza di over 65 sul totale della popolazione prossima al 29%.
Torniamo ora al Nord-Ovest, in Liguria. Questa è un'altra zona piuttosta anziana e vale lo stesso discorso che ho fatto all'inizio ed ora con il caso di Trieste.
Imperia ha un tasso d'occupazione pari al 45,7%, in calo di 0,9 punti; Sanremo lo ha del 44,3%, perdendo 2,3 punti rispetto al 2008.
Il SLL di Savona ha un tasso del 44,5%, cedendo 0,8 punti nel periodo. Genova resta sostanzialmente stabile al 45,4%. La Spezia perde 1,9 punti e si posiziona al 45,3%. SLL come Sestri Levante (GE) e Levanto (SP) hanno tassi d'occupazione del 41,3% e del 41,7% - entrambi in leggero aumento - ma sempre meno della media nazionale.
Come già detto per i SLL liguri, che sono di poco sopra la media nazionale nel tasso di occupazione over 15, bisogna ricordare la forte componente anziana nella popolazione: il tasso d'occupazione 15-64 anni (anche guardando ai dati Istat a livello provinciale) dovrebbe infatti essere al 62-63% per la maggior parte dei medio-grandi sistemi, tranne per Imperia e Sanremo che sono sotto al 60% e di poco sopra la media nazionale. Detto questo, i SLL della regione hanno strutturalmente un tasso d'occupazione più basso rispetto alla media della altre regioni del Nord.
Possiamo proseguire con l'Emilia Romagna. Dopo l'Alto Adige, la regione in questione ha il più alto tasso d'occupazione e d'attività in Italia, ciononostante non ci sono SLL che emergono straordinariamente a livello nazionale, mostrando invece un tasso d'occupazione più diffusamente altino, sopra il 50% per la maggior parte dei sistemi locali regionali.
Il SLL di Piacenza ha un tasso d'occupazione del 49,9%, in lieve calo di mezzo punto rispetto ad 8 anni prima.
Anche a Parma e Reggio Emilia il tasso d'occupazione cala, di rispettivamente 3,2 e 4,6 punti. Il tasso di occupazione si assesta al 52,2% ed al 53,3%. Ciononostante il SLL di Reggio Emilia ha ancora il più alto tasso d'occupazione tra quelli con oltre 250 mila residenti; a Parma i posti di lavoro aumentano (anche se leggermente) rispetto al 2008, ma il contemporaneo aumento della popolazione va ad erodere il tasso d'occupazione.
Il SLL di Modena perde 3,2 punti e il tasso scende al 52,5%. Sempre nella provincia il SLL di Mirandola registra il più alto tasso d'occupazione e d'attività della regione, il primo a quota 54,1%, anche se in calo di 1,3 punti.
I SLL di Sassuolo e Carpi perdono 3,5 e 4 punti, assestandosi al 51,6% ed al 53,6%. Sempre restando nel Modenese, da notare il caso del SLL di Vignola che registra il più forte calo del tasso d'occupazione in Italia, meno 9,2 punti. Questo va spiegato col forte aumento della popolazione vissuta dai comuni del sistema nel frattempo, da 84 a 102 mila residenti nel periodo 2008-2016. I posti di lavoro nel periodo infatti aumentano di 300 unità, ma appunto il boom demografico fa crollare il tasso d'occupazione.
Il SLL del capolouogo regionale, Bologna, aggiunge 20 mila posti di lavoro nel periodo 2008-2016, incrementando il proprio tasso d'occupazione di 1,1 punti al 52,5%, il più elevato tra i SLL sopra il mezzo milione di abitanti. Il tasso d'occupazione 15-64 anni sarebbe intorno al 70%. Cala invece di 4,2 punti il SLL di Imola, a quota 50,9%.
Ferrara registra un tasso del 49,2%, in calo di 0,9 punti. Ravenna cala di 2,9 punti a quota 50,4%.
Il SLL di Cesena ha un tasso d'occupazione del 53,2%, in calo di 1,2 punti; quello di Forlì scende di 0,2 punti al 50,6%.
Rimini si assesta sul 47,8%, in calo di 4,5 punti. Come vedremo tra poco, da questo SLL in giù, fino ad arrivare in terra di Bari, i cali del tasso d'occupazione cominciano a farsi pesanti per la maggior parte dei SLL affacciati sulla costa adriatica.
Ma ora procediamo in ordine, ora è la volta della Toscana.
I SLL di Carrara e Massa guadagnano 1,5 e 0,6 punti, arrivando a quota 46,8% e 45,1%. Pontremoli (MS) guadagna 3,4 punti ma arriva solo a 40,5%, meno della media nazionale, insieme a Pietrasanta (LU) che è al 43,1%, cedendo 0,8 punti.
Lucca cede 4,7 punti e scende al 45,8%; Pistoia cala di 2,8 punti al 48%.
Il SLL di Firenze compie il secondo "miracolo", creando 40 mila posti di lavoro nel periodo e portando il tasso d'occupazione al 48,4%, 4 punti in più di 8 anni prima (anche qui il punto di partenza era piuttosto bassino però). Il tasso di occupazione 15-64 aggiustato sarebbe attorno al 66%.
Il SLL di Empoli cede invece 3,8 punti, ma il suo tasso è comunque al 52,6%, il più elevato della regione.
Prato scende di due punti e mezzo, assestandosi al 50,6%.
Il SLL di Livorno guadagna 1,4 punti ed arriva al 46,6%; Pisa scende invece al 48%, 2,7 punti in meno di 8 anni prima. San Miniato (PI) perde 5,6 punti, posizionandosi al 50,6%.
Il SLL di Arezzo scende di 2,6 punti al 49,3%; dati simili al SLL di Siena che cede 2,3 punti e va al 49,4%.
Grosseto perde 1,6 punti e si assesta sul 49,4%. Follonica, seppure in risalita di quasi un punto, è sotto la media nazionale, essendo al 42,6%. Si posizionano invece bene Orbetello e Manciano, che col 50,8% ed il 51,2% (entrambi in leggero aumento) sono i SLL più meridionali a superare la soglia della metà della popolazione over 15 occupata.
Spostiamoci ad est in Umbria, regione piuttosto colpita dal calo del tasso d'occupazione.
In netta diminuzione risultano i SLL di Assisi e Città di Castello che perdono 5,6 e 4,1 punti, scendendo a tassi del 47,3% e 49,5%, quest'ultimo in particolare è ancora al primo posto in regione.
Il SLL di Perugia è anch'esso molto colpito, perdendo 5,9 punti nel periodo e scendendo a quota 48,7%.
Il SLL di Terni cede 2,4 punti e scende sotto la media nazionale, con un tasso d'occupazione del 42,5%.
Proseguiamo ora con le Marche e l'Abruzzo, riallacciandoci al discorso di prima. Queste due regioni le analizzo insieme perché tra la dinamica del tasso d'occupazione nei SLL è presente una certa correlazione.
Il SLL di Pesaro scende di 5,7 punti al 46%; quello di Fano è al 46,7%, in calo di 3,9 punti. Urbino cede 2,9 punti e si posiziona al 48,9%.
Il SLL di Ancona perde 2,9 punti rispetto al 2008 e scende ad un tasso d'occupazione del 46,2%.
Nella provincia in questione colpiti parecchio anche i SLL di Osimo che arretra di 6,2 punti al 49,1% (pur sempre il più alto tasso della regione però), e quello di Senigallia, in diminuzione di 4,5 punti che scende al 42,1%, sotto la media nazionale.
Nel SLL di Macerata il tasso si assesta al 46,1%, perdendo 3,4 punti; a Fermo il tasso è al 44,9%, in diminuzione di 4,1 punti.
In questa zona perdono oltre 6 punti di tasso d'occupazione i SLL di Recanati (MC), Montegranaro (FM) e Porto Sant'Elpidio (FM), scendendo, rispettivamente, al 47,3%, al 47,5% ed al 46,6%.
Andando più a sud, nell'area a cavallo tra Marche ed Abruzzo, una zona ponte tra il Centro-Nord ed il Mezzogiorno, la Vallata del Tronto, la Val Vibrata e la costa teramana mostrano tra i più gravi cali del tasso d'occupazione in Italia (assieme agli altri SLL della costa adriatica centro meridionale): la crisi fa scivolare i SLL dell'area in questione sotto la media nazionale, mentre 8 anni prima erano discretamente avanti.
Il SLL di Ascoli Piceno perde 4,1 punti di tasso scendendo al 42,7% di tasso d'occupazione, meno della media nazionale. San Benedetto del Tronto (AP) è al 43,9%, in calo di 5,4 punti.
Uno dei cali più pesanti d'Italia è nel SLL di Martinsicuro (TE) che perde 7,8 punti scivolando al 42,1%. Molto colpiti anche Giulianova (TE) e Pineto (TE) che cedono rispettivamente 6,6 e 5,8 punti assestandosi a tassi del 42,6% e del 42,5%.
Il SLL di Teramo è al 42,3% perdendo 3,6 punti rispetto al 2008; quello di Pescara arretra di 6,5 punti al 40,7%, perdendo 8 mila posti di lavoro. Il tasso di occupazione 15-64 anni, sempre aggiustato, sarebbe circa del 53%.
Il SLL di Chieti è al 39,4%, in flessione di 4,6 punti. Anche Vasto è pesantemente colpito, e cede 5,6 punti, con un tasso del 39,5%.
Nel SLL de L'Aquila il tasso è al 41,7%, in calo di 3 punti rispetto ad 8 anni prima. Ad Avezzano il tasso scende di 3,7 punti, al 41%.
Da notare però il SLL di Celano che, al 45,2% - seppure in calo di 1,5 punti - è l'unico, tra le regioni meridionali, ad essere ancora sopra la media nazionale.
Pesanti cali riguardano anche il Molise tutto.
Nel SLL di Campobasso il tasso d'occupazione è al 36,7%, in netto calo di 6 punti.
Drammatici crolli anche nei SLL di Bojano e Termoli, che perdono entrambi 8 punti e scendono, rispettivamente, al 37,2% ed al 35,6%.
Anche Isernia è pesantemente colpita e cede 6,4 punti, scendendo al 36,9%.
Eccoci ora al Lazio, non vi avevo dimenticato, tranquilli - semplicemente era più funzionale aggregare le precedenti regioni in un unico blocco.
Il SLL di Viterbo è al 44,4%, in calo di 0,7 punti; quello di Rieti è al 45,1%, cedendo 0,4 punti.
Interessante la perfomance del piccolo SLL di Acquapendente (VT) che guadagna ben 7,9 punti di tasso d'occupazione nel periodo analizzato (più di ogni altro SLL italiano), arrivando al 47,4%.
Il SLL di Roma Capitale crea il più alto numero di posti di lavoro di ogni altro SLL durante la crisi, ben 140 mila unità. La popolazione nel frattempo aumenta però di 365 mila persone e ciò fa quindi calare il tasso d'occupazione, anche se di appena 0,4 punti, al 48,3%, il più alto tasso d'occupazione dalla Maremma in giù. Il tasso aggiustato alla popolazione 15-64 anni sarebbe un 62-63%.
Il SLL di Pomezia cede invece 6,1 punti, scendendo ad un tasso del 45,6%.
Quello di Latina è al 44,6%, in diminuzione di 3,1 punti. Frosinone guadagna 0,4 punti, arrivando al 42,6%. Nel Basso Lazio, altra zona ponte tra Centro-Nord e Sud, da segnalare i SLL di Gaeta (LT) e Cassino (FR) che nonostante una sostanziale stagnazione del tasso durante la crisi, non arrivano (anche se di pochi decimi) al 40% di tasso di occupazione.
Scendiamo ora in Campania.
Nel SLL di Caserta il tasso di occupazione è al 33,5%, in calo di 2,4 punti rispetto al 2008.
Sempre in provincia è presente il SLL di Mondragone che cala di 7,8 punti ed arriva al 25,1%, il più basso tasso d'occupazione d'Italia, insieme a Lentini (SR). Il tasso d'occupazione 15-64 anni aggiustato sarebbe probabilmente attorno al 32%, meno della metà della media europea.
Il SLL di Benevento registra un tasso del 37%, in lieve calo di 0,7 punti; percentuale simile a quello di Avellino che si assesta al 37,4%, in diminuzione di 1,6 punti.
Nel SLL di Napoli, il terzo più grande d'Italia, il tasso d'occupazione è del 31,0%, in calo di 1,3 punti. Napoli rispetto al 2008 avrebbe solo perso 300 posti di lavoro; però per questo SLL (e la regione in generale) bisogna aprire un distinguo. La Campania (insieme alla Calabria), a differenza di tutte le altre regioni italiane, perdeva già occupati negli anni prima della crisi. A livello regionale mancherebbero 35 mila posti di lavoro per tornare ai valori del 2008, mentre il gap col 2004 è 126 mila unità (e 178 mila col Q4 1992, anche se tutte le regioni del Sud - eccetto l'Abruzzo - sono dietro il numero di occupati dei primi anni '90, malgrado la media nazionale sia piuttosto avanti, questo è un tema interessante che magari approfondirò un'altra volta). Questo spiega in larga parte la resilienza occupazionale rispetto a molte altre regioni italiane che la Campania ha avuto durante gli anni della crisi.
Il SLL di Napoli infatti rispetto a due anni prima del 2008 aveva già perso 37 mila occupati, poi ne perde altri 80 mila nel periodo 2008-2015, che recupera però per intero nel 2016. Il tasso 15-64 aggiustato sarebbe intorno al 38%.
A Castellamare di Stabia il tasso scende di 3,2 punti e finisce, anche se di quattro decimi, sotto al 30%. Da notare che alcuni piccola SLL prettamente turistici, come Amalfi e Capri siano sopra il 40% di tasso d'occupazione.
Il SLL di Salerno è al 37,2%, in lieve calo di 0,9 punti. In provincia un SLL colpito pesantemente è Eboli, che perde 6,5 punti e scende al 35,7%.
Proseguiamo ora con la Puglia.
Il SLL di Foggia registra un tasso d'occupazione del 32,4%, in diminuzione di 2,2 punti.
Il SLL di Bari perde 17 mila posti di lavoro, mostrando un tasso del 35,2%, in calo di 4,1 punti. Il tasso d'occupazione 15-64 anni aggiustato sarebbe circa il 46%.
Nella provincia si registrano altri pesanti cali, come nei SLL di Putignano e Rutigliano, che cedono 6,7 e 6,1 punti, scendendo al 39,2% e 37,9%.
Il SLL di Barletta è in flessione di 4,5 punti, mostrando un tasso del 33,8%.
Taranto si assesta al 33%, 2,2 punti in meno rispetto al 2008, nella provincia è molto colpito il SLL di Manduria che perde 5,4 punti e scende ad un tasso del 28,6%.
Il SLL di Brindisi ha un tasso del 32,2%, in calo di 2,5 punti. Lecce è al 34,1%, con una diminuzione di 2,9 punti.
Il SLL di Fasano (BR), al 40,4%, ha il miglior tasso della regione (seppur in calo di 2,3 punti).
In Basilicata il SLL di Potenza registra un tasso del 39,3%, lo stesso di 8 anni prima. Matera cede 1 punto, al 38,9%.
Il SLL di Melfi (PZ), che cito perché è tra gli unici due in Italia a contenere comuni di tre regioni diverse, registra un tasso del 39,4%, in calo di mezzo punto.
Prosegue il nostro viaggio sempre verso sud, alla volta ora della Calabria, altra regione colpita "per bene".
Il SLL di Cosenza retrocede di 4,9 punti ad un tasso del 32,7%; colpito parecchio anche Corigliano Calabro che arretra di 7,4 punti, al 29,8%.
Catanzaro perde 4 punti, assestandosi al 32,7%. Lamezia Terme è al 33,4%, in calo di 3,6 punti.
Il SLL di Crotone è in flessione di 4,8 punti, al 26,9%, il dato più basso tra i SLL dei capoluoghi di provincia italiani.
Reggio Calabria è al 31,0%, in calo di 2,2 punti.
Il SLL di Rosarno registra il più basso tasso d'occupazione della regione, al 25,7%, in diminuzione di 2,7 punti. Colpito anche Locri che perde 5,2 punti, al 28,3%.
Vibo Valentia è in flessione di 4,7 punti, a quota 31,2%.
Turno della Sicilia!
Il SLL di Trapani registra un tasso del 31,9%, cedendo 3,4 punti.
Il SLL di Palermo perde 32 mila posti di lavoro con la crisi, il secondo calo più grave d'Italia (sempre in termini assoluti). Quanto al tasso d'occupazione, esso cede 5,9 punti e si assesta al 30,5%, il tasso 15-64 aggiustato sarebbe attorno al 39%. Bagheria arretra di 5,3 punti al 27,1%.
Messina ha un tasso del 32,7%, 3,7 punti in meno rispetto ad 8 anni prima; Agrigento è in flessione di 2,6 punti e scende al 30,1%.
Il SLL di Caltanissetta registra un tasso del 33,3%, arretrando di 3,4 punti nel periodo analizzato; quello di Gela perde 4,8 punti e scende al 28%.
Colpito anche il SLL di Catania che scende di 4,4 punti e si posiziona al 31,7%, perdendo 14 mila posizione lavorative rispetto al 2008.
Un'altra zona piuttosta colpita è il Ragusano. Apriamo una parentesi qui: negli ultimi decenni è sempre stata un'area piuttosto sopra le altre province dell'isola quanto a sviluppo economico e salute relativa del mercato del lavoro, ma sembra che la crisi abbia travolto e riallineato l'area in questione a poco sopra la decisamente scarsa media regionale.
Per intenderci, nel 2004 Ragusa era la quarta provincia in Italia per tasso di occupazione maschile (al 78,5% per la fascia 15-64 anni - anche se con un enorme gap di genere), sopra quasi tutte le province venete, emiliane, lombarde ecc. Un grande risultato per un territorio così isolato e con infrastrutture pari a zero; da quell'anno però il tasso d'occupazione maschile è sceso di oltre 19 punti (contro una media nazionale di meno 3,3 punti), un declino senza pari in Italia.
Il SLL di Ragusa è in flessione di 6,4 punti al 35,7%; la seconda perdita del tasso d'occupazione più grave d'Italia è nel SLL di Vittoria, che cede 8,9 punti e si assesta al 34,4%.
Il SLL di Siracusa registra un tasso del 32,6%, 3,2 punti in meno rispetto ad 8 anni prima. Nella provincia è presente il SLL di Lentini che ha il più basso tasso d'occupazione in Italia, a parimerito con Mondragone (CE).
Concludiamo ora con la Sardegna.
Il SLL di Sassari mostra un tasso del 39%, esattamente come 8 anni prima.
Un SLL molto colpito in regione è quello di Olbia, che cede 7,5 punti, scivolando al 43,2%, sotto la media nazionale (tuttavia sempre il più alto in regione). In realtà nel 2016 il tasso 15-64 dovrebbe essere attorno al 52% e non in prossimità della media nazionale, è che il SLL in questione è molto giovane demograficamente sia rispetto alla media italiana sia rispetto al resto della regione.
Nuoro cede invece 2 punti e si assesta al 40,5%.
Il SLL di Tortolì è in flessione di 5,4 punti al 37,2%; Sanluri è al 36%, 2,8 punti in meno rispetto al 2008.
Il SLL di Cagliari perde 14 mila posti di lavoro e 5,3 punti di tasso d'occupazione nel periodo analizzato, scendendo al 39,5%. Il tasso 15-64 aggiustato sarebbe attorno al 52%.
Carbonia è in flessione di 3,4 punti rispetto al 2008 e si posiziona al 34,1%.
submitted by Larelli to italy

0 thoughts on “Xilisoft iphone ringtone maker 3.0.6 keygen

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *